L’Istituto danese per i diritti umani (DIHR) ha lanciato una database che renderà più semplice l’accesso alle informazioni del sistema di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite agli attori dello sviluppo sostenibile. L’UPR-SDG Data Explorer è il risultato di un progetto di data mining sperimentale che mira a collegare tutte le raccomandazioni UPR esistenti relative agli SDGs – più di 50.000 in totale. “L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile è ancorata ai diritti umani e la sovrapposizione tra le disposizioni sui diritti umani e gli SDG è notevole. Le raccomandazioni emesse dal sistema di monitoraggio dei diritti umani contengono quindi informazioni preziose e forniscono consigli pratici per garantire che le politiche di sviluppo sostenibile siano responsabili e non lascino indietro nessuno “, afferma Eva Grambye, vicedirettore esecutivo del DIHR. “L’UPR-SDG Data Explorer garantirà l’accesso all’adozione di un approccio basato sui diritti allo sviluppo sostenibile. Le raccomandazioni UPR accettate dai governi forniscono delle linee guida per i pianificatori politici con la garanzia di ampio consenso, che possono rendere più efficace, snella e coerente l’attuazione dell’agenda 2030, migliorando nel contempo la responsabilità nei confronti dei cittadini “, afferma Eva Grambye. La squadra che ha realizzato il database ha sviluppato ed implementato un algoritmo per identificare raccomandazioni pertinenti, sulla base dei termini e delle espressioni usate nel testo. I risultati di questo progetto sono ora disponibili per la prima volta, consentendo alle parti interessate di esplorare le interconnessioni in modo interattivo. Sebbene gli SDGs siano relativi ad un quadro politico globale, le raccomandazioni UPR possono identificare gruppi marginalizzati che rischiano di restare indietro e suggerire misure concrete per superare la discriminazione. I dati mostrano che più della metà di tutte le raccomandazioni possono essere collegate direttamente a obiettivi specifici dell’agenda 2030, illustrando il potenziale significativo di un approccio integrato basato sui diritti. Questo potenziale è ugualmente riconosciuto dall’Ufficio dell’Alto commissario per i diritti umani (OHCHR), il cui database Universal Human Rights Index costituisce la base dell’analisi. “Questo strumento faciliterà il lavoro della comunità dei diritti umani in tutto il mondo, compresi, in particolare, i nostri colleghi sul campo”, afferma Adam Abdelmoula, Direttore del Consiglio dei diritti umani e della divisione Meccanismi dei Trattati presso l’OHCHR. Inoltre, questo potenziale non è stato ancora pienamente sfruttato: “Al di là dell’UPR, i nostri esperti degli organismi di controllo dei trattati e delle procedure speciali del Consiglio per i diritti umani pubblicano continuamente una serie di preziose osservazioni e raccomandazioni che devono essere indicizzate tematicamente e collegate all’agenda 2030. Lo strumento che DIHR ha sviluppato sarà di grande aiuto per ridurre il peso di questo lavoro sul nostro personale “, afferma Adam Abdelmoula. Il nuovo database fa parte di un progetto pilota che intende aprire la strada a un’ulteriore collaborazione tra DIHR e OHCHR sull’estrazione di dati dal sistema dei diritti umani. È una delle aree di lavoro congiunte nell’ambito del Memorandum of Understanding tra le due organizzazioni, firmato a dicembre dello scorso anno. Basandosi sull’esperienza acquisita con le raccomandazioni UPR, ulteriori dati sui diritti umani saranno analizzati nei prossimi mesi.

Cos’è l’UPR?L’Universal Periodic Review (UPR) è un meccanismo di revisione tra del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite. Gli Stati membri delle Nazioni Unite si esaminano a vicenda in un ciclo continuo e formulano raccomandazioni per migliorare la situazione dei diritti umani in tutto il mondo.