Anticipando la riunione del Consiglio Europeo dello scorso 14 e 15 dicembre SDG Watch Europe , coalizione europea di organizzazioni della società civile, di cui è membro GCAP Italia, ha scritto una lettera aperta ai leader europei in cui si sottolinea l’urgenza di concentrarsi sul futuro dell’Unione adottando una visione politica forte e mostrando una leadership globale sullo sviluppo sostenibile. La coalizione sostiene che vi sono concreti rischi politici relativi all’attuale, quasi esclusivo, focus dei leader dell’UE sulla gestione della Brexit e sui relativi sviluppi politici.

“Si ha la sensazione che, come quando Nerone giocava mentre Roma andava a fuoco, così l’UE è distratta dalla Brexit mentre le condizioni politiche stanno peggiorando in tutta l’Unione”, ha detto Deirdre de Burca, membro del comitato direttivo di SDG Watch Europe. “I membri della nostra coalizione chiedono con urgenza ai leader europei di mettere lo sviluppo sostenibile al centro della missione politica dell’Europa. Noi crediamo che questa importante missione possa aiutare a tenere uniti gli Stati membri in questo periodo delicato, consentendo all’Europa di adottare un importante ruolo di leadership globale”.

Lentezza nell’implementazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs)

“L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile è un ambizioso programma globale che include 17 obiettivi adottati dagli Stati membri nel settembre del 2015”, ha detto Leida Rijnhout dello Stakeholder Forum for a Sustainable Future e membro del comitato direttivo di SDG Watch Europe. “L’UE era un importante attore nella negoziazione di questa agenda globale”, ha affermato. “C’erano grandi aspettative che lo sviluppo sostenibile potesse figurare tra gli obiettivi prioritari dell’agenda politica europea e degli stessi Stati membri. Sfortunatamente queste aspettative sono state disattese. Le Ong sono molto preoccupate per la mancata opportunità che questo rappresenta per l’Europa e per i suoi cittadini”.

SDG Watch Europe e i suoi membri ritengono che il processo di attuazione dell’agenda sullo sviluppo sostenibile globale sia stato “molto deludente”. Evidenziano, inoltre, che a tre anni dall’adozione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile l’UE non ha ancora sviluppato una strategia concreta per raggiungere gli obiettivi entro il 2030.

Povertà e fame

“La fine della povertà e della fame e la riduzione delle disuguaglianze sono obiettivi fondamentali degli SDGs, in Europa e nel mondo”, ha detto Ingo Ritz direttore di GCAP e membro del comitato direttivo di SDG Watch Europe. “Troppo spesso le politiche dell’UE si ripercuotono negativamente sulla vita delle persone di tutto il mondo: le politiche agricole europee impattano direttamente sui piccoli agricoltori in Africa. Gli accordi commerciali e le politiche fiscali dell’UE possono avere effetti negativi su intere economie e compromettere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile in molti paesi. Gli SDGs sono globali: tutti i paesi, inclusa l’UE, hanno la responsabilità di implementarli”.

Cambiamenti climatici

“Le principali conclusioni dell’ultimo rapporto dell’IPCC sui cambiamenti climatici ci ricordano ancora che l’umanità si è spostata oltre i confini planetari”, ha affermato Klara Hajdu di CEEweb for Biodiversity, una rete di ONG ambientaliste dell’Europa centrale e orientale e membro del comitato direttivo di SDG Watch Europe. “I cambiamenti climatici e la distruzione degli ecosistemi mettono a serio rischio la sopravvivenza dell’umanità. Ora abbiamo una opportunità nel prossimo decennio per cambiare radicalmente il modo in cui funzionano la nostra economia e le società, o dovremo affrontare le conseguenze ancor più devastanti di non aver agito in tempo”.

Impatti esterni di politiche UE non sostenibili

“L’UE ha molto lavoro da fare per garantire ai suoi cittadini una vita sana, rispettosa dell’ambiente e prospera”, ha dichiarato Marie-Luise Abshagen del German NGO Forum on Environment and Development e membro del comitato direttivo di SDG Watch Europe. “Allo stesso modo, l’impatto esterno di politiche europee non sostenibili può essere avvertito in tutto il mondo. Riteniamo che molti dei suoi attuali processi politici, i vari accordi commerciali bilaterali in programma, i nuovi piani per la deregolamentazione nei programmi ambientali o le politiche di sicurezza in violazione dei diritti umani ci stiano effettivamente allontanando dalla realizzazione degli SDGs. Il fallimento nell’affrontare queste comuni sfide europee rischierebbe di portare a una ulteriore disillusione delle persone nell’UE”.

La sostenibilità non è ancora un vero marchio europeo

“La società civile è desiderosa di collaborare con la Commissione per accelerare la transizione verso un futuro sostenibile”, ha affermato Patrizia Heidegger dell’European Environmental Bureau e membro del Comitato Direttivo di SDG Watch Europe . “Tuttavia, la mancanza di attenzione allo sviluppo sostenibile del Presidente Juncker ha impedito alla Commissione il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile”.”’La sostenibilità è un marchio europeo’ è uno slogan usato frequentemente dal vicepresidente della Commissione Timmermans. Questo slogan è vuota retorica se l’UE e i suoi stati membri non affrontano il loro uso non sostenibile di energia e di risorse naturali. Queste pratiche danneggiano l’ambiente, non solo in Europa, ma in tutto il mondo. Vogliamo che l’UE sia d’accordo su obiettivi chiari per ridurre sostanzialmente la sua impronta ambientale globale”.

“SDG Watch Europe ha rilasciato questa lettera aperta ai leader dell’UE in questo momento critico perché siamo preoccupati per la mancanza di un’azione responsabile e tempestiva dell’UE sullo sviluppo sostenibile”, afferma Barbara Caracciolo, membro del comitato direttivo di SDG Watch Europe.

“Ci auguriamo che la leadership politica dell’UE ascolti la nostra richiesta e collabori con i nostri membri e altre parti interessate per garantire che gli SDGs siano pienamente attuati dall’UE nelle sue azioni interne ed esterne”, ha affermato.

Scarica la lettera aperta di SDG Watch Europe inviata alla Commissione Europea 

Il Manifesto per una Europa Sostenibile a beneficio dei cittadini