Il  Civil Society 20 Engagement Group20 (C20) ha preparato un elenco completo di raccomandazioni e priorità d’azione urgenti per la riunione ministeriale del G20 sulla salute prevista per il 19 aprile 2020. Le raccomandazioni sono state redatte dai principali esperti di salute globale che rappresentano le organizzazioni della società civile di tutto il mondo, che si sono riuniti per fornire una voce inclusiva al G20 sull’agenda sanitaria globale; sottolineando le seguenti raccomandazioni e priorità d’azione:

  • Le nazioni del G20 e le istituzioni finanziarie multilaterali devono impegnare almeno 8 miliardi di dollari di nuovi finanziamenti per affrontare le urgenti lacune nella risposta globale alla COVID-19, compresi i finanziamenti all’OMS, alla ricerca e sviluppo (R&S) per nuove diagnosi, terapie, vaccini, il rafforzamento della sorveglianza e una sufficiente fornitura di attrezzature protettive per gli operatori sanitari. Tutto ciò è stato interamente finanziato dal Global Preparedness Monitoring Board.  Chiediamo che queste spese e tutti gli appalti siano trasparenti, soggetti al controllo pubblico, con meccanismi per prevenire la corruzione e sostenere la responsabilità nei confronti dei cittadini. Dovrebbero essere istituiti degli organismi di supervisione che includano la società civile e altri stakeholder per controllare le decisioni e contribuire a mantenere la fiducia dei cittadini.
  • Inoltre, il G20 dovrebbe guidare una risposta globale per raddoppiare immediatamente il livello di spesa pubblica per la salute nei Paesi in via di sviluppo, raccogliendo altri 160 miliardi di dollari attraverso la cancellazione del debito e aiuti aggiuntivi come primo passo verso un Piano Marshall per la salute da 500 miliardi di dollari, come raccomandato dall’ONU. Questi finanziamenti dovrebbero essere utilizzati per aumentare e rafforzare i sistemi sanitari pubblici, compresa la formazione e il reclutamento di milioni di operatori sanitari retribuiti e protetti, nonché la sospensione delle tariffe per gli utenti e delle condizioni di assicurazione per garantire l’accesso incondizionato a tutti i servizi sanitari per tutti gratuitamente al punto di utilizzo, come consigliato dall’OMS. 
  • Considerate la possibilità di canalizzare una parte dei fondi di risposta COVID-19 attraverso un sostegno aggiuntivo e mirato attraverso il Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria e la Global Drug Facility, per consentire una risposta molto rapida e altamente efficace a COVID-19 su una scala che sarà difficile da replicare attraverso la spesa bilaterale. Ciò consentirebbe anche di investire risorse nella risposta globale a COVID-19 per proteggere e sostenere le infrastrutture del programma HIV, tubercolosi e malaria, rafforzando i sistemi sanitari, sostenendo i sistemi resilienti di approvvigionamento e facilitando un accesso rapido e flessibile alle scorte dei principali prodotti di base a livello globale. 
  • Gli sforzi di ricerca e sviluppo (R&D) dovrebbero essere guidati dai bisogni, basati sull’evidenza e dovrebbero essere considerati come una responsabilità condivisa. I Paesi del G20 devono pertanto attribuire principi di accesso di interesse pubblico a qualsiasi finanziamento per la R&S per i nuovi strumenti di lotta contro COVID-19, per garantire che il prodotto finale sia accessibile, accessibile e disponibile per tutti coloro che ne hanno bisogno. I proprietari di tecnologia e proprietà intellettuale dovrebbero impegnare brevetti, know-how, linee cellulari, copyright, software, dati e tutte le altre proprietà intellettuali rilevanti per essere apertamente disponibili nel pubblico dominio. Ciò include la concessione di licenze aperte e non esclusive a vantaggio del progresso scientifico e la trasparenza dei prezzi di tutti i costi e dei prezzi. Ad esempio, i paesi del G20 dovrebbero sostenere la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) per sviluppare un vaccino, e l’Unitaid, garantendo al contempo che tutti i prodotti sviluppati siano disponibili e accessibili a tutti coloro che ne hanno bisogno. Data la domanda globale senza precedenti, i governi del G20 dovranno anche aumentare drasticamente gli investimenti nella produzione di tutti gli strumenti medici legati a COVID nell’interesse pubblico globale e sostenere in egual misura il miglioramento della produzione in tutto il mondo.
  • Il G20 deve considerare la risposta globale collettiva a COVID-19, non solo i sistemi sanitari “a casa”, ma anche nei paesi in cui i sistemi sanitari sono più deboli, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito e in ambienti operativi difficili. Ciò deve includere una risposta comunitaria potenziata e capace e investimenti nella capacità produttiva.

In quanto forum per le più grandi economie del mondo, il G20 è in una posizione unica e ha la responsabilità di affrontare le minacce sanitarie globali. L’epidemia di COVID-19 ci ricorda con urgenza che dobbiamo aumentare gli investimenti in ciò che sappiamo che funziona: forti partnership internazionali, la costruzione di sistemi sanitari che raggiungano tutti, la costruzione di capacità per la condivisione dei dati, la ricerca e lo sviluppo (R&S) che sia accessibile a tutti a costi, e un approccio all’assistenza che sia radicato nel rispetto dei diritti umani. La risposta deve applicare i principi della copertura sanitaria universale (UHC) e della collaborazione multisettoriale. Ciò comprende la responsabilizzazione e la capacità dei partner della comunità e della società civile di contribuire a fornire la risposta, anche in organismi collaborativi, come l’OMS. 

COVID-19 è una crisi globale di dimensioni sanitarie, economiche, sociali e politiche che richiede una risposta globale collettiva, in cui la priorità è quella di non lasciare nessuno indietro. Il G20 si è dimostrato un partenariato efficace nella risposta alle crisi. Nel 2008, il G20 si è mobilitato in risposta alla crisi finanziaria e ora è necessaria una risposta collettiva a questa emergenza sanitaria globale con particolare attenzione alle seguenti priorità d’azione:

  • Azione collettiva: Quando il mondo si è riunito per dare priorità alla salute di tutti, innumerevoli vite sono state salvate, per esempio attraverso partnership come il Fondo Globale, l’Unitaid, la Global Polio Eradication Initiative e Gavi, la Vaccine Alliance. Queste organizzazioni multilaterali sono nella posizione ideale per contribuire a rispondere alle nuove epidemie. Chiediamo ai Paesi del G20 di riconoscere gli sforzi coordinati e i consistenti fondi messi a disposizione per la risposta COVID-19 da parte dei donatori multilaterali. I governi, i proprietari della tecnologia e della proprietà intellettuale e i ricercatori dovrebbero coordinarsi urgentemente anche con l’OMS. I Paesi del G20 dovrebbero incoraggiare il Fondo Globale, in quanto maggiore fornitore multilaterale di sovvenzioni per la salute, a continuare a utilizzare la flessibilità dei finanziamenti per sostenere le risposte COVID-19 nei Paesi, e a rafforzare i sistemi sanitari per costruire le capacità dei Paesi di prevenire, individuare e rispondere alle minacce sanitarie esistenti ed emergenti. Inoltre, promuovere l’accesso a prodotti diagnostici e sanitari sicuri, efficaci, di qualità e a prezzi accessibili per tutti, garantendo al contempo che i servizi essenziali per l’HIV, la tubercolosi e la malaria siano protetti e sostenuti dalle risorse investite in COVID-19. Ad esempio, investire per aumentare i test molecolari e per un triage e un’assistenza adeguati per le persone affette da COVID-19 e tubercolosi.
  • Investire nella ricerca e sviluppo (R&S) e nella capacità produttiva: Attualmente non sono disponibili vaccini o trattamenti per COVID-19 – il cui sviluppo è necessario per porre fine a una crisi. È essenziale che, oltre agli investimenti per far fronte alla crisi, vengano effettuati anche investimenti per risolverla. Comprendendo che questa pandemia colpisce tutti, sarà necessario uno sforzo senza precedenti per produrre e distribuire nuovi trattamenti e vaccini attraverso partnership e strategie di produzione, distribuzione e accesso. Ci deve essere un impegno da parte dei Paesi del G20 affinché ogni nuovo strumento sviluppato per COVID-19 sia disponibile a livello globale, appropriato e conveniente. L’accesso e l’accessibilità economica dovrebbero essere requisiti integranti dell’intero processo di ricerca e sviluppo (R&S) e di produzione. Ciò dovrebbe includere la promozione del pieno utilizzo delle flessibilità TRIPS, delle licenze volontarie e dei trasferimenti di tecnologia, nonché il sostegno a sistemi di fornitura e approvvigionamento resilienti per facilitare risposte rapide, flessibili e coordinate per garantire l’accesso e prevenire l’esaurimento delle scorte di tecnologie, attrezzature e forniture a livello globale.
  • Rafforzare i sistemi sanitari: I sistemi sanitari di tutti i paesi sono sovraccarichi, con una mancanza di capacità di assistenza sanitaria per i pazienti e una mancanza di dispositivi di protezione individuale (DPI) per gli operatori sanitari. Con oltre 10.000 casi confermati in Africa e oltre 50.000 in America Latina, vi sono preoccupazioni circa la capacità dei sistemi sanitari di rispondere all’aumento dei casi, ad esempio in Liberia ci sono solo 4 posti letto per la terapia intensiva e molti paesi non dispongono di ventilatori o di test approfonditi.
  • Non lasciare indietro nessuno: È necessaria una risposta coordinata a livello globale, basata sul genere e sui diritti. COVID-19 colpirà in modo sproporzionato le donne e le ragazze, le persone vulnerabili ed emarginate, come le persone che vivono in povertà, le persone malnutrite, gli anziani (compresi quelli con demenza), i senzatetto, i disabili, le comunità etniche, i prigionieri, i migranti, i rifugiati e le persone con condizioni di salute esistenti. La risposta sanitaria deve prevenire la stigmatizzazione e la discriminazione, includere l’assistenza psicologica e garantire un’assistenza sanitaria sicura e di qualità, compresa l’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva. I Paesi del G20 devono garantire che le donne e le ragazze abbiano accesso ai servizi di prevenzione e risposta alla violenza di genere (GBV), compresi i servizi per i sopravvissuti alla GBV, come alloggi temporanei, alloggi sicuri e sostegno finanziario. Anche gli operatori sanitari devono avere la priorità sia nell’accesso alle cure che nel sostegno economico e sociale specifico. Le donne sono, a livello globale, circa il 70% della forza lavoro sanitaria, molte di loro vivono in ambienti al di sotto degli standard e sono soggette a particolari discriminazioni a causa del loro lavoro.
  • Prevenzione degli impatti secondari: La risposta a COVID-19 avrà un impatto a catena sull’accesso ai servizi sanitari di routine, compresi i servizi sessuali e riproduttivi. Come ha sottolineato l’OMS, “Le precedenti epidemie hanno dimostrato che quando i sistemi sanitari sono sopraffatti, anche la mortalità dovuta a condizioni prevenibili con i vaccini e altre condizioni curabili può aumentare drasticamente”. Dobbiamo lavorare per bilanciare la lotta contro questa pandemia mantenendo i servizi sanitari essenziali. Si possono imparare lezioni dalle risposte alla tubercolosi, all’HIV e alla malaria, come l’educazione sanitaria sulla prevenzione, la ricerca di contatti, la prevenzione della stigmatizzazione e della discriminazione, il ruolo delle comunità, delle organizzazioni femminili e della società civile, e affrontare le sfide dell’isolamento. Gli operatori sanitari della comunità possono essere attivati per la sensibilizzazione, la prevenzione e la notifica tempestiva. 

L’OMS ha raccomandato di sospendere urgentemente tutte le spese di utenza per tutte le cure sanitarie almeno per il periodo della pandemia e di rendere universale e incondizionato il diritto all’assistenza sanitaria, indipendentemente dallo status assicurativo.  

Vi esortiamo a fare eco, a promuovere e a fornire un sostegno pratico per l’attuazione di questa raccomandazione. In assenza di interventi, il numero di decessi dovuti a condizioni di salute non legate al COPID-19 sarà probabilmente ancora più alto di quello del virus stesso.

Per rimanere aggiornati sul C20: https://civil-20.org/