Riportiamo qui di seguito due dichiarazioni delle comunità di fede (lanciata dalla Rete di Lobby Cattolica per la Giustizia Sociale) e della società civile, sostenuta da GCAP, che chiedono all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e all’Unione europea di approvare la richiesta dei paesi in via di sviluppo di poter accedere gratuitamente ai brevetti sui vaccini per rendere possibile la loro produzione globale e quindi una maggiore disponibilità a livello locale per salvare più vite umane.

La conferenza ministeriale è prevista dal 29 novembre al 3 dicembre a Ginevra. Nella dichiarazione delle comunità di fede si esortano tutti i paesi a votare per annullare l’accordo sui diritti di proprietà intellettuale dell’OMC (TRIPS), solitamente indicato come “rinuncia TRIPS”.  Questa azione permetterà che la ricetta del vaccino sia temporaneamente disponibile al pubblico.

Il governo Italiano e in particolare il Ministro Speranza all’incontro del Civil20 di ottobre scorso, si è dichiarato contrario. Chiediamo che l’Italia e l’UE rivedano questa posizione che condanna alla morte milioni di persone nel Sud del mondo e che consente la prosecuzione della pandemia a livello mondiale come evidente ora con la variante omicron!

Dichiarazione della comunità religiosa globale per la conferenza ministeriale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio

Le sottoscritte organizzazioni religiose desiderano esprimere una profonda preoccupazione per il ritardo di un anno nell’approvazione della deroga temporanea TRIPS presso l’Organizzazione Mondiale del Commercio. La rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19 dovrebbe essere trattata come una questione urgente. L’approvazione della deroga TRIPS rimuoverebbe una barriera essenziale per consentire la produzione diffusa di vaccini su una scala necessaria per sedare la pandemia, abbassare i costi e garantire la parità di accesso.

Ci uniamo al Sudafrica, all’India e a più di 100 paesi per chiedere la sua approvazione. Le nostre vite sono intrecciate. Rendere i vaccini COVID-19 accessibili a tutti dovrebbe essere considerato come parte di una corsa per salvare tutta l’umanità. Questo è il passo umano e morale da fare senza ulteriori ritardi.

Mentre i rappresentanti dei paesi membri si incontrano a Ginevra questa settimana, le vostre decisioni hanno un impatto sul destino dell’umanità. Vi esortiamo a dare la priorità alle vite umane rispetto ai profitti e a fare ogni passo necessario per approvare la deroga TRIPS per facilitare la produzione di massa di vaccini a livello globale. Inoltre, vi invitiamo a facilitare la distribuzione del nuovo farmaco COVID-19 e di altri strumenti diagnostici in tutto il mondo.

Quasi due anni dopo la sua comparsa, la pandemia di COVID-19 continua a imperversare, prendendo la vita di oltre cinque milioni di persone, mettendo a dura prova le risorse umane e materiali, e causando dolore e sofferenza in ogni continente. COVID-19 è insensibile ai confini, alla ricchezza o al livello di sviluppo. Porre fine alla pandemia di COVID-19 richiede di evitare le pratiche storiche che emarginano i paesi a basso reddito mentre assicurano l’accesso ai paesi ad alto reddito. La maggior parte delle nazioni in cui molti cittadini non possono accedere ai vaccini – compresi diversi paesi in Africa, Asia e Sud America – sono in gran parte sede di persone di colore. Le nazioni ricche che hanno vaccinato più della metà della loro popolazione non dovrebbero riposare tranquillamente finché noi, come comunità globale, non saremo tutti ugualmente protetti. L’esitazione a rendere il vaccino disponibile a tutti avrà un impatto anche su di loro. Il fallimento nel rendere i vaccini accessibili a tutti ha già generato la variante Delta e ulteriori mutazioni, rendendo impossibile continuare a giustificare i guadagni fatti con le vendite dei vaccini. L’attuale inflazione in corso in paesi come gli Stati Uniti è solo un segno che la lentezza della risposta al COVID-19, compreso il rifiuto di condividere e trasferire la tecnologia dei vaccini, è dannosa per l’economia globale.

Per salvare milioni di vite e fermare la catastrofe economica in corso, vi esortiamo ad approvare la deroga TRIPS che permetterà a più aziende di produrre vaccini salvavita a livello globale. Come comunità di fede globale preoccupata per la salute delle persone vulnerabili in tutto il mondo, sosteniamo l’approvazione immediata di questa deroga temporanea come misura salvavita. Sappiamo che le poche aziende che producono vaccini non possono produrre abbastanza vaccini in tempo per proteggere miliardi di persone, ma se condividiamo le informazioni necessarie per la produzione, più aziende possono essere attrezzate per creare vaccini che raggiungeranno più persone.

Rappresentiamo diverse comunità di fede con il valore condiviso che le vite di tutte le persone – giovani o vecchi, di tutti i colori e generi, indigeni o migranti, lavoratori o CEO – sono ugualmente amate e che è nostra responsabilità assicurare la vita e la dignità di tutti allo stesso modo. Inoltre, come persone di fede, crediamo che sia nostra responsabilità morale salvare tutte le vite e che tale azione sia alla vostra portata.

Approvate la rinuncia ai TRIPS per salvare delle vite!

Dichiarazione della società civile

In questa conferenza ministeriale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, i leader hanno l’opportunità di mettere in moto la fine di questa pandemia, di aprire le porte alla produzione globale di vaccini, test e trattamenti Covid-19, rinunciando temporaneamente alle regole di protezione intellettuale (TRIPS) su questi strumenti salvavita. Vergognosamente, tuttavia, l’Unione Europea sta lavorando per tenere il cancello saldamente chiuso, non rendendo accessibili le protezioni urgentemente necessarie per i più poveri del mondo.

La posizione dell’UE a sostegno dei brevetti è quella di ignorare gli appelli dei paesi in via di sviluppo, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dei premi Nobel e dei leader religiosi, degli ex capi di stato, degli esperti legali e della società civile, difendendo dogmaticamente uno status quo che ha attivamente ostacolato gli sforzi globali di vaccinazione, test e trattamento. Consegnerebbe insensatamente il mondo a una pandemia prolungata. La posizione dell’UE deve essere riconsiderata. 

La proposta dell’UE non è una posizione di compromesso. È un inutile pasticcio che non farà nulla per migliorare la produzione globale di oggi e affrontare il divario nella fornitura di vaccini, test e trattamenti salvavita Covid-19. Infatti, rafforza attivamente alcuni degli elementi più problematici dell’accordo TRIPS che impediscono ai paesi di esercitare le flessibilità esistenti in materia di licenze obbligatorie.

L’unico scopo di questa proposta è quello di spostare la colpa dell’incapacità dell’OMC di risolvere questa crisi dalle nazioni ricche ai paesi in via di sviluppo e meno sviluppati; far sembrare le vittime dell’apartheid dei vaccini come i colpevoli.

L’accordo TRIPS ha creato una carenza artificiale di fornitura di vaccini, test e trattamenti urgentemente necessari, portando a innumerevoli morti che altrimenti erano prevenibili. La storia non perdonerà né dimenticherà coloro che scelgono di sostenere un sistema ingiusto piuttosto che porre fine alla pandemia.